New Technology

Airlander, pronto a decollare il velivolo sostenibile più grande del mondo

Metà aereo e metà dirigibile. Airlander è il velivolo elettrico di lusso che mira a rivoluzionare il mondo dell’aviazione.

Realizzato dalla società inglese HAV (Hybrid Air Vehicles), il velivolo misura 92 metri di lunghezza per 26 di altezza; ha una apertura alare di 43 metri, 38.000 metri cubi di volume, 20 tonnellate di peso, una capacità di carico di circa 13 tonnellate e una velocità di crociera di 148 km/h.

Airlander combina tra loro diverse tecnologie innovative aerospaziali: da quella dei dirigibili (come lo scafo in tessuto sostenuto dall’elio che è più leggero dell’aria) a quelle degli aerei ad ala fissa (dalle strutture composite ai motori, fino all’avionica) e degli elicotteri. Velivolo a basse vibrazioni, Airlander può restare in cielo per ben cinque giorni senza atterrare, con una autonomia massima di 4.000 miglia nautiche e toccando i 20.000 piedi di altezza (circa 6000 metri).

L’industrializzazione è cominciata

Nelle sue due versioni: 10 e 50, l’Airlander è un incrocio tra un aereo e un dirigibile a zero emissioni di carbonio, con motori elettrici e silenziosi, costi operativi bassissimi e nuovi materiali. Il primo prototipo di Airlander è stato classificato come aeromobile civile e ha già trovato i fondi necessari per un totale di circa 180 milioni di sterline attraverso sovvenzioni private e programmi istituzionali, sia inglesi che europei.

Nel 2016 è avvenuto il primo volo di 30 minuti. Negli anni a seguire al progetto originale sono state apportate centinaia di modifiche e ora la fase finale del progetto appare vicinissima. Il velivolo sarà omologato e in grado di volare in tutte le condizioni atmosferiche.

Motori ibridi

L’Airlander sarà inizialmente configurato con due diverse motorizzazioni – quella diesel e quella ibrida – ma, dal 2030, si passerà esclusivamente a quella elettrica. Già con quattro motori a combustione da 345 cavalli ciascuno, l’Airlander 10 ridurrà le emissioni fino al 75% rispetto a velivoli comparabili, arrivando al 90% nella versione ibrida.

Lo scafo, cellula principale dell’Airlander, sarà realizzato con un tessuto laminato flessibile in grado di sostenere la pressione interna del gas e di assicurare una lunga durata di servizio in ogni condizione meteo. Gli strati del tessuto prevedono, a partire dall’esterno, una pellicola in Tedlar che fornisce la protezione dagli agenti atmosferici, un film in Mylar che mantiene l’elio in maniera ermetica e un tessuto Vectran che fornisce la forza strutturale. Tutti gli strati saranno incollati e sigillati insieme con adesivo in uretano resistente ai raggi UV.

L’idea della società produttrice è quella di vendere i nuovi mezzi alle compagnie aeree, alle aziende che si occupano di logistica e a tour operator. Lo spazio di carico può infatti essere configurato secondo le diverse esigenze, rendendo Airlander un velivolo versatile che apre a un’ampia gamma di applicazioni. Le prime prenotazioni sono già arrivate. L’entrata in attività è prevista per il 2025.

Barbara Tangari

Continua

Barbara Tangari

Iscritta all’Albo speciale degli Avvocati abilitati innanzi alle giurisdizioni superiori. Il suo obiettivo è guidare e consigliare i propri clienti, per riporre al sicuro le proprie idee di business che potranno un giorno diventare idee di capitali.
Potrebbe interessarti anche...
Close
Back to top button
Non sei ancora iscritto alla newsletter di Starthink Magazine?
Iscriviti per ricevere le ultime novità!
Non sei ancora iscritto alla newsletter di Starthink Magazine?
Iscriviti per ricevere le ultime novità!