Family

La Scuola a tempo di Coding – CoderDojoRoma l’esempio da cui apprendere

Sabato 22 ottobre nell’ambito del CodeWeekEU, la Settimana Europea del Codice, CoderdojoRoma è stata ospite nella Sala della Protomoteca del Campidoglio, con un’esperienza di alta formazione didattica per 40 bambine e bambini e altrettanti genitori.

CoderDojo Roma appartiene alla rete internazionale dei CoderDojo, che quest’anno è partner della CodeWeekEU, si tratta di una comunità di volontari, nata a Roma nel 2013, composta da cittadini operativi e fermamente convinti dell’importanza e dell’efficacia della promozione e della cultura digitale. Una comunità composta da mentor, educatori, famiglie, professionisti e tanti appassionati alle tematiche dell’educazione e della società interconnessa.

Il tipo di lavoro strutturato in forma laboratoriale mira a far acquisire ai ragazzi capacità di programmazione, apprendendo giocando. Una palestra dove sperimentarsi e sperimentare la propria creatività e logica in collaborazione. I CoderDojo sono delle ‘palestre di creatività’ in cui bambini e ragazzi possono creare i propri videogiochi, programmi, animazioni o storie interattive,  attraverso l’esperienza ludica.

L’aspetto positivo e il divertimento assicurato sono gli elementi che attraggono i ragazzi a partecipare consapevolmente alla tecnologia, ai media e ai social media. Il Campidoglio è stato il luogo dove le bambine e bambini tra i 7 e i 12 anni hanno potuto trasformare le loro idee in un’animazione ispirata alla Roma Antica e al Campidoglio, con le sue storie e i personaggi. Per i genitori, invece, un laboratorio sulle tematiche della sicurezza informatica, della privacy online e dell’uso consapevole dei social network.

La Responsabile Agnese Addone conferma che: «CoderDojoRoma è diventato un punto di riferimento per l’avvio dell’innovazione sociale – L’attività di noi mentor ha generato momenti di confronto e ricerca sulla didattica innovativa e sperimentale, per incentivare nei bambini l’approccio consapevole alla tecnologia, e nei genitori una maggiore sensibilità verso il mondo dei social e del loro corretto utilizzo».

Il via a lavori è stato dato dalla Sindaca Virginia Raggi e dall’Assessora Roma Semplice Flavia Marzano del Comune di Roma in un modo familiare e caloroso.

Viste le tante richieste di iscrizione è stata data la possiblità di seguire l’iniziativa tramite l’hashtag/stornello Twitter e Facebook #CampiDojo.

Agnese Addone ha espresso la  gioia di tutti i partecipanti nel vedere la comunità intera, bambini, genitori e volontari operativamente in festa. Agnese ha ricordato che l’iniziativa  Coderdojo al Campidoglio è parte della Code Week appena conclusa.

In una società che ha modificato in modo così rapido la comunicazione attraverso i mezzi informatici occorre ormai essere al passo partendo anche dal mondo scuola, adottando gli strumenti tecnologici per sviluppare competenze e capacità nei ragazzi, per prepararli a vivere nella nuova epoca ed essere attori principali nel mondo del lavoro.

Continua

Barbara Riccardi

Docente Canditata come migliore docente italiana per il Global Teacher Prize 2016. Counselor Gestalt Psicosociale. Credo nell'arte dell'incontro, nulla avviene per caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbe interessarti anche...
Close
Back to top button
Non sei ancora iscritto alla newsletter di Starthink Magazine?
Iscriviti per ricevere le ultime novità!
Non sei ancora iscritto alla newsletter di Starthink Magazine?
Iscriviti per ricevere le ultime novità!